SENSORIALE A ZANZIBAR: dedicato a ipo e non vedenti

Dal 10 al 19 Giugno 2017
MADRUGADA BEACH RESORT

Viaggio organizzato da “LA COMPAGNIA DEL RELAX” – Enrico Radrizzani

Sensoriale a Zanzibar dedicato a ipo e non vedenti…ma non solo.

Il programma è aperto a chi vuole toccare, assaggiare, sentire e annusare; a chi vuole incontrare le persone, interagire con loro e portare a casa, oltre alle foto, amici e conoscenze nuove, ricordi indimenticabili e esperienze ripetibili solo se ci viaggia lentamente con piccoli gruppi come organizza “La Compagnia del Relax”.

 

Chi vede normalmente sarà esortato ad usare di più i sensi che la vista lascia in secondo piano, inoltre, chi lo desidera potrà fare alcune esperienze con gli occhi bendati per confrontarsi in prima persona con le sensazioni regalate dagli altri sensi.

 

Accompagnati da Enrico Radrizzani, che curerà la parte sensoriale del programma, e Anthony Andaloro, chef non vedente a 5 stelle, scopriremo i sapori di una cucina antica ricca di delicate spezie. Avremo il tempo di riposare in spiaggia ma anche di incontrare la gente che anima quest’isola piena di storia.

 

Per combinare relax, la bellezza del mare e visite interessanti per scoprire la cultura locale passeremo il tempo lungo le spiagge dell’isola per incontrare i pescatori e le donne che coltivano le alghe negli orti marini sommersi dalla marea, nella foresta per scoprire come vengono coltivate le spezie, a Stone Town, la capitale dell’isola, per le vie e gli mercati.
Tutto seguirà il ritmo lento che regola la vita degli abitanti dell’isola.

 

Schema del viaggio
1° giorno
Partenza dall’Italia

Dal 2° al 7° giorno
Soggiorno in un piccolo resort sulla spiaggia

8° e 9° giorno
Soggiorno a Stone Town

10° giorno
Arrivo in Italia.

 

Escursioni e visite in programma
Le nostre giornate passeranno tra spiagge di sabbia fine ed escursioni. L’ordine e lo svolgimento sarà a insindacabile discrezione della guida che conosce il momento migliore per farle, saranno alternate a momenti di riposo per riposare e rientrare in Italia carichi di energia.

 

safari blu: per questa magnifica escursione partiremo dall’area marina protetta della baia di Menai, costellata da piccoli atolli, isolotti, caverne marine e banchi di sabbia finissima; è una giornata alla scoperta di un vero paradiso ricco del bianco dei coralli, del verde delle mangrovie, dell’azzurro del cielo e del mare. Sarà una giornata per riposare, nuotare, fare snorkeling e godersi il pranzo a base di pesce, aragoste alla griglia e riso cotto nel latte di cocco. La frutta tropicale ci sorprenderà con il suo sapore intenso e l’amarula, crema di liquore a base di frutta selvatica e dal sapore di caramello leggermente fruttato, servirà a chiudere il pranzo.

 

cucinare Swahili in un villaggio tradizionale: come preparare i piatti locali, principalmente a base di riso, pesce, verdure e carne e, ovviamente, spezie.
Arrivati a destinazione, ci verrà consegnata una borsa della spesa di paglia intrecciata e faremo gli acquisti degli alimenti occorrenti insieme alla nostra guida, allo chef e alle donne del villaggio nel mercato locale.
Impareremo come creare piatti deliziosi e le tecniche per la cottura del cibo zanzibarino nella cucina tradizionale all’aperto indossando gli abiti tipici del villaggio. Quando saranno pronti li gusteremo alla maniera dell’isola all’ombra di un makuti in paglia, su tappeti tipici apparecchiati allegramente. Il nostro corso di cucina insegna a cucinare i pasti classici di Zanzibar con le spezie e le erbe
aromatiche. Cucinerete con utensili e tecniche tradizionali, preparando il latte di cocco con la grattugia in legno, pesteremo le erbe e le spezie fresche in un mortaio e le cuoche del villaggio vi insegneranno come utilizza questo fragrante preparato e tante altre delizie.
Dopo pranzo potremo godere di un po’ di relax in spiaggia oppure visitare il villaggio per acquistare prodotti locali e per visitare gli artigiani che creano reti da pesca, corde e suppellettili, utilizzando le palme e i gusci del cocco.

 

spiagge e maree: la vita a Zanzibar è scandita dalle maree. Lo scorrere del tempo nei villaggi, la pesca e gli orti di alghe coltivati nelle zone dove l’acqua sale e scende con ritmo regolare, seguono questo fenomeno dettato dalla luna. I pescatori e le donne che curano le prose di alghe le conoscono bene. Grazie a loro scopriremo un mondo inaspettato.

 

l’oro dell’isola: le spezie. Nella parte più umida dell’isola dove la terra è più fertile e la foresta più fitta si trovano le piantagioni di spezie che crescono in sinergia con la foresta stessa. Solo per citarne alcune qui si producono chiodi di garofano, pepe nero, cardamomo, cannella, noce moscata, vaniglia e citronella. Non solo hanno un ruolo importante nei piatti e nei rimedi tradizionali dell’isola, ma hanno costituito vere e proprie fortune di mercanti e coltivatori.

 

Stone Town: del cuore culturale di Zanzibar di perdono del tracce nella notte dei tempi e possiamo dire che negli ultimi 200 anni non è cambiata di molto. Ci sono ancora i vicoli tortuosi, le famose porte delle case, ne sono rimaste più di 500 riccamente intagliate e attrezzate per resistere agli urti degli elefanti, le tracce della dominazione omanita, il vivace bazaar, le moschee e le grandi case arabe. Nelle vie aggrovigliate troviamo botteghe di artisti, gallerie d’arte, fotografi, orafi, pittori, piccoli negozi, hotel ricavati in residenze antiche di grande fascino, noi dormiremo in uno di questi.
La nostra guida ci racconterà di storia, leggende e della vita della città. Visiteremo il forte arabo, la chiesa cristiana sede del mercato degli schiavi e anche la Casa delle Meraviglie, importante palazzo del XIX secolo, il primo ad avere l’ascensore in tutta l’Africa orientale, e il suo museo dove potremo toccare molti oggetti e imbarcazioni storiche.

 

l’Isola Prigione è privata, circondata da un mare stupendo e con bellissime spiagge ci darà l’occasione di godere di un pò di relax prima di ripartire. Qui visiteremo la riserva delle tartarughe giganti, faremo la loro conoscenza dando loro foglie di mangrovia di cui sono ghiotte. Potremo visitare anche le prigioni degli schiavi che hanno dato il nome all’isola.

 

Nota bene: il programma può subire variazioni e cambiamenti che non ne alterano il valore. Alcune escursioni potranno essere annullate o sostituite da altre in funzione delle condizioni meteorologiche, del mare e dalla condizione delle strade.

 

La quota comprende:
– una persona esperta in partenza dall’Italia per accompagnare il gruppo;
– assistenza per i non vedenti in aeroporto;
– consulenza per l’acquisto dei biglietti aerei, che possiamo emettere su richiesta;
– transfer da e per l’aeroporto a Zanzibar con accompagnatore italiano;
– guida ufficiale autorizzata dall’Ente del Turismo parlante italiano;
– trasporto privato per le escursioni;
– sistemazione in camera doppia o tripla;
– trattamento di mezza pensione con colazione, pranzo o cena;
– le escursioni previste nel programma.

 

La quota non comprende:
– i biglietti per i voli aerei internazionali e nazionali, che possiamo scegliere insieme ed emettere su vostra richiesta;
– l’assicurazione personale, annullamento viaggio e bagaglio che possiamo emettere su richiesta al momento dell’emissione dei biglietti aerei;
– il visto di ingresso e di uscita da pagare in loco, circa 80€;
– i biglietti di ingresso a siti e musei, perché il programma è flessibile;
– un pasto al giorno, le bevande e gli spuntini;
– le mance da raccogliere in loco e da calcolare in circa 30€;
– quanto non indicato nel paragrafo “La quota comprende”.

 

 

Nota: chi desidera partecipare, per informazioni e costi, scrivere una mail a: enrico@lacompagniadelrelax.net 
oppure chiamare Enrico Radrizzani al numero +39 335 659 72 86.

Realizzazione siti web Ferrara - Grafica Ferrara